Ultima modifica: 7 Dicembre 2019

Progetto Erasmus 2019

logo

(Rembrandt Harmenszoon van Rijn, Leida 1606 – Amsterdam 1669)
“Le tre Croci” 1653, The Met – New York

Da diversi anni, insegnanti dell’I.C. Primo Levi si sono avvalsi dell’opportunità di aggiornamento nella seconda lingua, con la frequenza di corsi all’estero, e di scambi e  gemellaggi, anche a distanza, con altre scuole europee, attraverso le possibilità offerte dal Programma Erasmus+ (già “Programma Socrates/Comenius”).

 

Erasmus Plus

Erasmusplus.it

Nello specifico gli obiettivi del Programma Erasmus+ per l’istruzione scolastica prevedono:

  • Migliorare le competenze del personale della scuola e rafforzare la qualità dell’insegnamento e dell’apprendimento
  • Ampliare la conoscenza e la comprensione delle politiche e delle pratiche educative dei paesi europei
  • Innescare cambiamenti in termini di modernizzazione e internazionalizzazione delle scuole
  • Creare interconnessioni fra istruzione formale, non formale, formazione professionale e mercato del lavoro
  • Promuovere attività di mobilità all’estero per gli alunni e lo staff della scuola, anche a lungo termine
  • Accrescere le opportunità per lo sviluppo professionale e per la carriera del personale della scuola
  • Aumentare la motivazione e la soddisfazione nel proprio lavoro quotidiano

logo_eTw

In linea con tale programma, l’Istituto fa parte della comunità di “eTwinning” che promuove, in Europa,  la collaborazione scolastica, lo scambio di conoscenze, lo sviluppo di reti tra scuole, attraverso l’uso delle tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC). Nell’ambito del programma Erasmus+, e Twinning supporta docenti e istituti scolastici nello sviluppo di progetti anche per il programma KA1 per la mobilità dello staff docente.

Il Progetto Erasmus+ KA1 – 2019-2021: 

“WE DEBATE: LET’S FIND SOLUTIONS” – “DIBATTIAMO: TROVIAMO SOLUZIONI”

 L’Istituto Comprensivo Primo Levi, di nuovo vincitore del finanziamento ERASMUS+ KEY ACTION 1 –KA1-, moltiplica le opportunità di formazione per i propri docenti e il proprio staff, che avranno l’opportunità di confrontarsi con i colleghi di altri Paesi europei, frequentando corsi strutturati e seminari, scambiando esperienze e buone pratiche didattiche.

Il progetto “WE DEBATE: LET’S FIND SOLUTIONS”, n. 2019-1-IT02-KA101-061999, è vincitore con il punteggio di 93/100. Approvazione visibile alla pagina “Esiti delle candidature ricevute alla scadenza del 12 Febbraio 2019”, pubblicato in data 11/07/2019.

Il progetto “WE DEBATE: LET’S FIND SOLUTIONS”, con il summary in inglese, è stato pubblicato online sulla piattaforma europea dei vincitori, visibile al link:

https://ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus/projects/#search/keyword=We%20debate%3A%20Let’s%20find%20solutions&matchAllCountries=false

Finalità del progetto (dal sommario in italiano):

“…Partendo dal Piano di Miglioramento dell’istituto ci poniamo la finalità di potenziare nei nostri alunni la capacità di utilizzare il pensiero critico per la risoluzione dei problemi. Perseguendo lo sviluppo delle competenze chiave di cittadinanza ci poniamo l’obiettivo di utilizzare lo strumento del dibattito per affrontare tematiche di interesse europeo e inerenti l’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile e solidale. In particolare, dall’analisi del Rapporto di Autovalutazione del nostro istituto, sono emersi dei punti di debolezza che puntiamo a migliorare; essi riguardano la comprensione del testo sia letterario che matematico e le strategie di problem solving. Abbiamo individuato nella scarsa competenza lessicale uno dei nodi che impedisce il pieno sviluppo delle competenze linguistiche e di comprensione. A tale scopo l’obiettivo prioritario del nostro progetto prevede il potenziamento lessicale sia nella lingua italiana che nella lingua inglese. Abbiamo pensato di utilizzare il mezzo del dibattito per favorire proprio la circolazione di parole e idee ad un livello strutturato, a partire dalla Scuola dell’Infanzia.

Inoltre il proficuo utilizzo delle tecnologie dell’informazione in classe e della loro applicazione per la creazione di risorse digitali, insieme all’uso della lingua inglese, ci daranno la possibilità di connetterci non solo a livello locale e nazionale ma anche a livello europeo, in quanto ambedue veicoli e strumenti di comunicazione condivisi.

Pertanto abbiamo scelto di indirizzare la formazione a docenti in possesso di alcuni requisiti di base che permettano il raggiungimento degli obiettivi pianificati. I docenti individuati costituiscono risorse per il nostro istituto in quanto in grado di fungere come anello di congiunzione tra i docenti che non hanno ancora una sostanziale preparazione negli ambiti delineati e il raggiungimento degli obiettivi del nostro piano di miglioramento.

In seguito alla realizzazione del progetto “WE DEBATE: LET’S FIND SOLUTIONS”, ci aspettiamo un potenziamento delle competenze dei docenti con conseguente ricaduta sulle abilità di comprensione e produzione del testo orale e scritto dei nostri alunni/studenti. Attraverso l’esercizio sistematico del pensiero critico e l’utilizzo di un lessico appropriato si favorirà l’innalzamento dei livelli di rendimento nelle lingue (italiano e inglese) e nella risoluzione dei problemi. Introducendo nel nostro curricolo verticale d’istituto la pratica del dibattito quale obiettivo di competenza da perseguire a tutti i livelli, riteniamo di apportare un elemento di novità che darà maggiore impulso al nostro impegno di portare al successo formativo tutti i nostri alunni/studenti.”

Il progetto a livello operativo

Per l’attuazione del progetto, negli anni scolastici 2019-2020 e 2020-2021, lo Staff Tecnico, avvalendosi della competenza e dell’esperienza dell’Hosting Partner “English Matters” come training/course provider, ha selezionato corsi rispondenti agli obiettivi chiave perseguiti dal nostro piano di sviluppo con percorsi di formazione innovativi nelle aree della lingua, della metodologia, delle strategie e delle ICT. Sono state perciò selezionate cinque tipologie di corsi per un totale di n. 20 mobilità: n.10 partecipanti per la frequenza di “Corsi strutturati” e n. 10 percorsi di “Visite educative strutturate a Scuole/Istituti e Seminari di Formazione”, questi ultimi corsi strutturati combinano in modo efficace visite a scuole/istituti insieme a workshop e seminari di formazione. I Paesi di destinazione saranno l’Irlanda, la Svezia, la Finlandia e la Norvegia.

 

Progetto Erasmus+ 2016/2018

Link vai su